domenica 15 dicembre 2013

La Boldrini e il voli di Stato sessisti
















Certe volte non mi capacito dei livelli sempre più bassi del Presidente (pardon, della Presidente) Laura Boldrini. Questa faccenda del volo di Stato con cui è volata a Johannesburg per i funerali di Mandela è davvero disgustosa. Cosa è successo? In occasione dei funerali di Mandela, come da protocollo, erano invitati a presenziare tutti i leader del mondo: infatti, assieme a Letta, sua moglie e una folta schiera di collaboratori vari, sono partiti tutti assieme per il Sudafrica su un volo di Stato.

Primo problema: che cosa c’entrava Laura Boldrini? Visto che l’appuntamento era con i Presidenti di tutti gli stati del mondo, perché ha dovuto partecipare anche la Presidente della Camera? E allora perché non anche Grasso? E perché non anche il Presidente della Repubblica Napolitano? E se tutti i paesi avessero fatto lo stesso, ve lo immaginate? Come trasformare un funerale in una kermesse. Ma, come se non bastasse, il problema vero è che la Boldrini, se proprio voleva andarci a titolo personale (cosa che non è successa, vista la visita formale di tipo istituzionale e politico) perché non ci è andata a spese sue?

E invece no, tutti insieme appassionatamente, con la relativa scorta di collaboratori e consiglieri a suo seguito, la Boldrini ci si è portata pure il fidanzatino, tanto per gradire. Tutto ovviamente pagato con denaro pubblico. Posso sollevare una questione, senza essere tacciato di filoberlusconismo? Ve lo immaginate cosa sarebbe successo se B. fosse stato ancora in Parlamento e avesse preso quello stesso volo insieme alla sua nuova fidanzata ventottenne a spese nostre? Madama Boldrini si sarebbe stracciata le vesti per prima.

Ma, mentre invece i ruoli paiono invertiti con il Giornale e Libero che puntano il dito contro la Boldrini (da che pulpito viene la predica!), la Presidente della Camera risponde indispettita, con la sua voce staaanca da maestrina come al solito, tirando in ballo l’unico argomento che sembra avere ogni qualvolta viene criticata per i suoi comportamenti: la discriminazione sessuale.

Ora, la prima cosa che ho pensato quando ho letto questa notizia è stata: “Che cosa cazzo c’entra la discriminazione sessuale con i voli di Stato a scrocco?” Immagino che questa esclamazione sia la stessa che hanno avuto tante persone come me che apprendevano di questa nuova uscita di Madama Boldrini.

“Al di là di inesistenti questioni economiche, credo proprio che il problema sia un altro, nelle polemiche di queste ore. A fare “scandalo” è il fatto che una donna delle istituzioni sia accompagnata da suo marito o dal suo compagno. […] Non amo l’ipocrisia, e dunque dico con nettezza che in queste critiche sento forte l’impronta di un’arretratezza sessista dura a morire nella vita pubblica italiana. Per questo non ho voluto ignorare le polemiche: perché penso che non riguardino solo me, ma lo spazio che a noi donne viene “concesso” nell’Italia di oggi. C’è ancora molta strada da fare.”

Intendiamoci: se la Boldrini avesse semplicemente risposto nel merito (e cioè dicendo che il volo ormai era pagato e che portarci dieci o venti persone cambia poco: risposta sicuramente da paraculo ma comunque nel merito) non sarebbe stato sollevato nessun polverone. E invece no, siccome la Boldrini argomenti non ne ha e sa di avere torto, sfrutta il suo cavallo di battaglia preferito: il suo para-femminismo militante da quattro soldi.

Sono veramente stanco di queste “femministaiole” per moda, prive di contenuti e di principi morali, non tanto per la sfrenata antipatia che mi provocano, ma soprattutto per un fatto che nuoce in realtà a tutto il “senso civico” che dovremmo tenere: ogni volta che una Boldrini qualunque trasforma tutte le critiche che le vengono poste in “accanimento sessista”, lancia un messaggio sbagliatissimo e pericolosissimo. Il motivo? È molto semplice: ogni volta che si critica una donna, si tira in ballo questa “scusa” per non parlare dei fatti e non rispondere nel merito. Così come ogni volta che si critica una persona di colore (ad esempio la Kyenge, o anche Balotelli se vogliamo parlare di cose più “frivole”) si trova sempre il modo di non rispondere nel merito della questione ribaltando le accuse subite e condannandole come “discriminazioni razziali”. Ma io non ce l’ho con la Kyenge perché è nera, io ce l’ho con lei perché non ha alcun merito politico o sociale e perché il suo ministero è di un’utilità pari a zero. Nello stesso modo non ce l’ho con la Boldrini perché è una donna, ma per le schifezze che sta combinando in politica (Link1, Link2, Link3, Link4) e per i voli di Stato scroccati a UFO in nome di non si sa quale carica istituzionale. Che vergogna. E che ipocrisia.


Aggiornamento 16/12/2013: Il Codacons denuncia Laura Boldrini per quanto descritto in questo post.

«Certo non si comprende cosa ci facesse il compagno della Boldrini su un volo di Stato per una cerimonia cui erano stati invitati esclusivamente capi di Stato e di Governo. Ma soprattutto a spese di chi. Abbiamo richiesto alla procura e alla Corte dei conti di accertare se possano configurarsi sprechi di denaro pubblico a danno della collettività e conseguentemente sanzionare le eventuali scelte dannose per la collettività stessa ivi comprese le ipotesi di illeciti fonte di danno erariale, e di predisporre tutti i controlli necessari per accertare e verificare se nei fatti esposti possano celarsi fattispecie penalmente rilevanti, ivi compreso quello di utilizzo illegittimo di fondi e/o risorse pubbliche. Le risposte sul presunto sessismo fornite dal presidente della Camera a chi in queste ore l'ha criticata, appaiono obiettivamente inaccettabili, soprattutto se si considera che in passato altri esponenti istituzionali di sesso maschile furono denunciati per situazioni assolutamente identiche. Ora si dovrà verificare se vi siano stati costi a carico della collettività legati alla presenza su un volo di Stato del compagno della Boldrini e, in tal caso, il presidente della Camera e il suo fidanzato saranno chiamati a risarcire personalmente i cittadini
UA-57431578-1