mercoledì 5 settembre 2018

Fiocco azzurro in Peggio Palaia!


Cari amici del blog, non sono sparito (un’altra volta!). Molto semplicemente, senza tirarla troppo per le lunghe, il vostro è occupato al momento in molte altre cose, che vanno dal cambiare pannolini, passare ore e ore sveglio cercando di calmare pianti, e accudire un piccolo, piccolissimo essere umano che sto conoscendo e amando di più ogni giorno che passa. Certamente non ho tempo di andare a vedere cosa stanno facendo Salvini, l’autoreggente Martina e altra gente simile.

È iniziato tutto quando, un giorno indimenticabile, ho visto comparire un + su quel piccolo test di gravidanza. Ricordo che la mia bellissima moglie ed io ci siamo messi a ridere senza sosta, forse anche a saltare se ben ricordo. E da allora è stato un continuo turbine di emozioni e attese, culminate con i primi giorni di vita di mio figlio, che non posso descrivere se non come una vera e propria montagna russa di emozioni derivate dall’inedita sensazione di conoscerlo mentre lui impara a conoscere te.

Nasce un figlio, e lo stesso giorno nascono un padre e una madre. E non c’è tanto spazio per altre cose, ma solo ad emozioni che non pensavo potessero esistere.

Volevo mettere nero su bianco sul blog queste poche parole, perché se è vero che questo blog rappresenta in un certo senso la mia voce messa a nudo, allora questo evento certo non poteva mancare.

Abbiate pazienza, dunque: tornerò (più o meno) presto a fracassare i dogmi del nostro marcio mondo, del pensiero unico, del politicamente corretto… Ma, per una volta nella vita, è davvero il momento di dedicarsi ad altro, e al 100%. Almeno per il momento. E stavolta l’occasione è di quelle da togliere il fiato!

Nessun commento:

Posta un commento

UA-57431578-1